Siccità e acqua nel Serchio

Sono ormai anni che prima o dopo, comunque tra i mesi di luglio, agosto e settembre, assistiamo al solito appello.
In concomitanza con il caldo estivo arriva puntuale anche la siccità e l'acqua del nostro fiume [[Serchio]] viene, si fa per dire, centellinata. I principali enti che controllano le acque del nostro fiume e dei suoi affluneti sono l'Autorità di bacino del fiume Serchio, la Provincia di Lucca, poi Comuni ed Enti che sono coinvolti nell'utilizzo della risorsa acqua. Ogni anno ci ritroviamo quindi, ad agosto, molti sono in ferie, e ci dicono che, nonostante un autunno ed un inverno piovoso il risultato non cambia, manca l'acqua. {xtypo_quote_right} In inverno parliamo di alluvioni, in estate di siccità. L'acqua è una risorsa poco considerata ce ne rendiamo conto solo per gli eccessi. {/xtypo_quote_right}
Fino a qui niente di strano per un paese a clima e conformazione geografica nord Africano. Un problema in giusta evidenza per i paesi del nord Africa che si affacciano sul Mediterraneo, per il Medio Oriente, la Grecia, il Sud Italia, il Sud della Spagna. Ma parlere di siccità a Lucca, e siccità per il Serchio, con una latitudine nettamente diversa, in prossimità di due catene montuose importanti come gli Appennini e le Alpi Apuane, con un regime di piovosità autunnale, invernale e spesso anche primaverile tra i primi in Italia. Mi sembra piuttosto paradossale. Ma che è successo a tutta quell'acqua che è scesa dal cielo? Ma allora è siccità o incapacità di gestire in modo serio una risorsa come l'acqua ? e qui tutti sono coinvolti chi controlla ma sopratutto chi utilizza.L'acqua che arriva nella piana di Lucca viene rilasciata prima dalla diga di Castenuovo Garfagnana, 1.000 litri al secondo, questi mille litri arrivano quasi tutti nell'invaso di Borgo a Mozzano, ebbene Borgo a Mozzano rilascia quei 1.000 ricevuti più altri 500 che si "autoproduce", in questo tratto confluisce il torrente Fegana e il torrente Lima, e quanto questi affluenti danno apre una parentesi che è opportuno approfondire a parte. Comunque, questi 1.500 litri al secondo arrivano in Vinchiana prima di Ponte a Moriano, e da qui partono ben 6.000 litri al secondo che alimentano il Canale Nuovo che va fino a Segromigno passando per Saltocchio, e Marlia. Quindi in Vinchiana si "autoproducono" 4.500 litri al secondo di acqua, che aggiunti ai 1.500 che arrivano da Borgo a Mozzano fanno i 6.000 a beneficio della piana di Lucca zona est. Ma allora a Lucca cosa arriva?
In modo scherzoso ho esemplificato un problema complesso che non si esaurisce sui rilasci ma che coinvolge il complesso della gestione della risorsa acqua che va da quando cade a quando l'uomo ne ha bisogno. L'acqua non è una risorsa infinita, ma spesso è troppo considerata tale. Poca attenzione, e spreco, una finta e dannosa gestione delle politiche ambientali operata proprio dagli ambientalisti, la paura delle responsabilità degli eccessi: troppa acqua e poca acqua, costruiscono un panorama desolante nel rimpallo delle competenze e delle responsabilità dove non possiamo escludere il gestore delle manutenzioni, il Consorzio Auser Bientina, ma nemmeno chi utilizza l'acqua. E il crescendo di dighe e sbarramenti per la produzione di energia elettrica che distruggono natura e ambiente cementificando in nome di energia idroelettrica "pulita", a cosa serve se l'acqua è sotto il minimo vitale per tre quattro mesi l'anno, senza acqua non funzionano o sbaglio? Mi sembra che ci sia più di una cosa che non quadra. Comunque questi comunicati sulla siccità invece di lasciarci indifferenti dovrebbero farci riflettere maggiormanete. Sono convinto che le menti e le intelligenze non mancano per risolvere questo problema e non mancano nemmeno gli esempi virtuosi di altri paesi. L'importante è non insistere, come abbiamo fatto negli ultimi 50 anni, su concetti , idee , errori, che nemmeno i romani 1.000 anni fà commettevano. Se l'acqua è l'oro del futuro perche nel presente dovremmo fregarcene ?

Serchio

  • Visite: 11729

2019 - LeonardoUno.net
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.